PC - Windows

Life is Strange 2: Episode 4

9 critics
7.77
criticscore

Score Distribution

9.00 to 10.0
1
8.00 to 8.99
4
6.00 to 7.99
4
4.00 to 5.99
0
0 to 3.99
0
Jess McDonellAug 27, 2019
Whether you're heading into the final episode in much the same place you were at the beginning--or under the chilling implications of a certain late game choice--watching Daniel wrap his arms around Sean in either circumstance exemplifies what makes the series work so well. Your Sean can be kind or standoffish, thieving or righteous, but your actions don't change the love and adoration between the Diaz brothers--and that love is still the heart and soul of Life Is Strange 2.
Elizabeth HengesAug 27, 2019
Episode 4 sets up Life is Strange 2 for a strong landing. Sean and Daniel will finally be reaching the end of their tale, whether it leads to a happy ending or not. Faith is the best episode in Life is Strange 2 since the first and holds the promise of a memorable final episode.
Léon Othenin-GirardAug 27, 2019
Emotionally, Life is Strange 2: Episode 4: “Faith” is gruelling. The abuse is piling up, the feds are in his face, and Sean is alone. Even if the lack of gameplay fittingly rubs salt in that wound, it still leaves something missing, so the episode doesn’t stand on its own as well as the other episodes so far. The writing is great, the voice acting is good, and the atmosphere is really well made, but the lack of gameplay is what stops the episode from reaching its full potential.
AllenSep 02, 2019
It is how DONTNOD maturely handles sensitive subject matter like racism, belief, and family that makes this season feel far more grounded to a familiar reality than those before. As far as season finale lead-ins are concerned, Faith will have you counting the minutes until the anticipated conclusion.
Gianni MolinaroAug 22, 2019
Voilà un quatrième épisode sombre, méchant, interrogateur, sensible, critique, habilement mené, qui confirme, si besoin est, que Life is Strange 2 ne perd pas en constance. Avec Faith, le joueur continue un chemin de croix éprouvant mais captivant, parfois très malsain et plus proche de la réalité qu'on ne pourrait le croire. Il prend des coups et se questionne en même temps que les protagonistes. Et cela en fait encore une réussite.
Simone PettineAug 24, 2019
Life is Strange 2: Episode 4 - Faith è un episodio potente e importantissimo per la serie, che ci ha colpito pienamente con la forza delle sue tematiche, situazioni, personaggi e scelte. Se tutti gli episodi di Life is Strange 2, già di per sé gradevoli e curati, avessero avuto la stessa grinta, probabilmente la seconda stagione avrebbe avuto anche qualche possibilità di superare, nel cuore dei fan, il ricordo di Max e Chloe.
Tommaso MontagnoliAug 26, 2019
Faith è un buon capitolo, ad oggi non il migliore, ma di sicuro un ottimo momento preparatorio prima del gran finale. Entrano in gioco nuove forze, nuovi elementi e anche nuovi personaggi fondamentali per la chiusura del viaggio, che con l’avanzare della trama somiglia sempre più a un’odissea interminabile. I paesaggi sono ancora una volta magnifici, tanto semplici quanto suggestivi, e forse è anche grazie a questi se Dontnod è riuscita a raggiungere una potenza narrativa fra le più alte di sempre, soprattutto nella parte centrale.
Valentino CinefraAug 28, 2019
Faith riprende fiato e si concede il tempo di preparare l’umore per il finale di Life is Strange 2 del quale, curiosamente, è difficile anticiparne lo svolgimento. Non c’è quindi la grande sorpresa del finale, né uno svolgimento che lasci il giocatore in punta di sedia, ma invece una grande attenzione per dialoghi, approfondimento di alcuni personaggi ed inserimento di alcuni nuovi. Un episodio di passaggio, che non vuole sconvolgere lo status quo della narrazione, ma invece arricchirlo con nuove sfumature di racconti e scene, alcune delle quali valgono da sole il prezzo del biglietto.
Roberto TurriniAug 28, 2019
Arrivati al quarto episodio di Life is Strange 2 è ora di tirare le somme: non ci siamo. La storia è splendida; lo sono le musiche, lo è la fotografia… ma già sulle texture, i modelli e le animazioni siamo lontani dalla sufficienza. Se aggiungiamo all’insieme un gameplay inestitente – in Faith questa lacuna è particolarmente evidente – e a un sistema di scelte morali che non cambia assolutamente nulla nel mondo di gioco ci troviamo davanti a un prodotto incostitente.